Vittima di abusi rituali: „Sono stata violentata per migliaia di ore da bambina“.

Spread the love
Sono cresciuto in Belgio e sono stato venduto a una rete pediatrica omicida. 
Intorno al mio sesto compleanno. 
Sono stato usato su questa rete per cinque anni e mezzo. 
Uomini adulti che facevano parte di questo esclusivo club erano lì per vari motivi. 
Ma c’era molto alcol, molte droghe e i bambini erano la merce, la merce più preziosa. 
Erano principalmente usati per il sesso. 
Ma c’erano anche alcuni aristocratici in questo club a cui piaceva uccidere i bambini. 
E poi era arrivato il mio momento. 
Dovrei essere ucciso a 11 anni. 
Sono stato torturato perché qualcuno che mi aveva protetto per un po ‚e che poi mi aveva davvero abusato mi aveva fatto. 
Sono stato legato a un macello. 
Era nero con il sangue di tutti i bambini prima di me. 
Sono stato lì per un paio d’ore. 
Il mio corpo è pieno di cicatrici. 
E ogni cicatrice mi ricorda quel momento. 
Pensavo che sarei stato ucciso. 
Come tutti i bambini che non erano abbastanza amati da vivere. 
E sarei anche dimenticato. 
E non ero pronto a morire. 
Qualcuno nella rete mi amava abbastanza da salvarmi. 
La tortura è durata alcune ore. 
Sono stato su questa rete per cinque anni e mezzo. 
Durante quel periodo, sono stato violentato molte, molte, molte volte. 
Non ho cicatrici per mostrare quante volte sono stata violentata. 
Ma ho fatto la matematica. 
Di solito era una notte intera durante il fine settimana. 
Ho calcolato che sono stato violentato per circa 6 ore alla settimana. 
Quindi davvero violentato. 
1716 ore di stupro. 
Anche prima avevo 12 anni. 
Sono cresciuto con le istruzioni fornite dalla persona che mi ha salvato. 
Ciò mi ha tenuto lontano dalla prostituzione e dalle droghe. 
Mi ha portato fuori dal paese. 
Dal Belgio, dove è successo tutto. 
Da giovane, anche se non avevo cicatrici, ero così concentrato sull’essere un oggetto sessuale che attiravo gli uomini. 
E parti di me ne avevano bisogno per vivere. 
Perché era l’unico modo in cui sapevo di stare bene. 
Da giovane ero così invisibile e timbrato. 
E tutti erano pronti ad accusarmi. 
Essere promiscui. 
E come dice: „economico“. 
Una puttana 
Tutte queste cose, tutti questi insulti, mi giudicano così in fretta. 
E poi quando ho guarito, ho capito: No, devo uscire dal modello che ho bisogno di attenzione sessuale. 
Lascia che me ne vada. 
Non lasciarmi più fare un oggetto. 
Lasciami essere una donna libera. 
Quindi ho lavorato per decenni per provare tutto questo dolore. 
Da quello che mi è stato fatto. 
Il tradimento di essere venduto dai miei genitori. 
I bambini sono i più vulnerabili di tutti noi. 
Ecco perché vogliamo creare una società in cui i bambini saranno al sicuro. 
In cui i bambini hanno una comunità intorno a loro. 
Ogni bambino merita sicurezza. 
Nessun bambino merita ciò che ho dovuto sperimentare. 
E ciò che milioni di bambini vivono ogni giorno. 
Sfortunatamente, fa parte del sistema attuale. 
Come donne, abbiamo così tanto potenziale per diventare veramente potenti sentendo tutto ciò che dobbiamo sopportare come donne. 
Questo ci dà più forza di tutti gli altri. 
Tutto il dolore dietro l’impotenza e l’umiliazione. 
Sento davvero quello che mi è stato fatto, capendo davvero che non ero io che alla fine stavo bene. 
Ero un bambino, sono diventato una vittima. 
Non era colpa mia.